19.08.2022 h 09:56 commenti

Centrodestra ancora al lavoro per 'accasare' i candidati. Partiti riuniti per le decisioni finali

Trattative lunghe e complesse ma il traguardo è ormai molto vicino. Sicure le candidature degli uscenti Donzelli e La Pietra (FdI), e di Mallegni (FI). Cotinuano a salire le quotazioni della forzista Mazzetti e del leghista Carrara
Centrodestra ancora al lavoro per 'accasare' i candidati. Partiti riuniti per le decisioni finali
Riunioni fiume, vertice complicati perché complicato è scegliere e 'accasare' i nomi da mettere in corsa alle politiche del 25 settembre. Anche nel centrodestra l'esercito degli aspiranti candidati è assai nutrito ma i posti, ora che si devono fare i conti con la riduzione dei parlamentari, sono troppo pochi. I maggiori partiti hanno chiuso gli incontri di ieri con un nulla di fatto e hanno aggiornato tutto ad oggi. I leader di Fratelli d'Italia, Forza Italia e Lega sono alle prese con i nodi ancora da sciogliere e con quelli già sciolti dopo le liste presentate dal Pd. Non va meglio a casa dei partiti minori della coalizione: anche qui si tratta di mettere a fuoco gli ultimi ragionamenti prima di accendere i riflettori sui candidati.
Il quadro pratese, ovviamente, dipende dalle dinamiche nazionali. Ritenute decisamente poco probabili, se non del tutto inesistenti, brutte sorprese per i parlamentari uscenti di Fratelli d'Italia, Giovanni Donzelli e Patrizio La Pietra: per entrambi è dato per sicuro un posto nei listini. All'accoppiata si aggiunge, con un certo grado di sicurezza, il nome della pratese Chiara La Porta, una delle donne toscane più vicine a Giorgia Meloni. In ballo anche i nomi del vicecoordinatore provinciale del partito, Gianni Cenni, e del capogruppo nel Consiglio comunale di Prato, Claudio Belgiorno. Sono questi i due nomi che prevalgono ormai da settimane ma nulla è ancora certo e tutto può accadere.
In casa Forza Italia si cerca una sistemazione pressoché sicura per la parlamentare uscente Erica Mazzetti: nelle riunioni che si sono susseguite negli ultimi giorni, nelle telefonate incrociate sull'asse Roma-Prato e più in generale su quello Roma-Toscana, il coordinatore regionale, Massimo Mallegni, ha caldeggiato con convinzione e vigore il nome della fedelissima pratese. Sarebbe quasi sicuramente di Erica Mazzetti l'uninominale della Camera (Prato, Pistoia e Mugello) se questa casella, nelle manovre di spartizione tra gli alleati, dovesse toccare ai forzisti. Mallegni, senatore uscente, sembra ormai certo capolista all'uninominale del Senato che abbraccia tutto il pezzo di Toscana da Prato a Massa.
Al lavoro anche la Lega che, nel caso dovesse essere destinataria del collegio uninominale della Camera che riguarda Prato, potrebbe schierare il deputato uscente, ex Forza Italia, Maurizio Carrara.
nt



 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  19.08.2022 h 09:56

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 
 

Digitare almeno 3 caratteri.