18.02.2020 h 13:24 commenti

Buzzilab: nessun dibattito in Consiglio comunale, insorge la Lega: "Censura sulle questioni spinose"

Intanto le firme per l'esposto di Astri alla Corte dei Conti sono arrivate a quota 600. Per chi vuole aderire c'è un'occasione in più, giovedì pomeriggio dalle 14 alle 19 nella sede dell'associazione a Montemurlo
Buzzilab: nessun dibattito in Consiglio comunale, insorge la Lega: "Censura sulle questioni spinose"
I consiglieri comunali della Lega con gli altri esponenti dei Comuni della provincia
La spinosa questione della chiusura del Buzzilab con la richiesta al sindaco di aderire all'esposto alla Corte dei Conti promosso da Astri, non sarà dibattuta in Consiglio comunale. Non almeno in tempo per firmare quel documento a cui hanno già aderito oltre 600 persone tra imprenditori e politici. Il 28 febbraio infatti l'associazione del tessile riciclato chiuderà la sottoscrizione, salvo proroghe.
In questo periodo l'unico consiglio utile è quello di giovedì prossimo 20 febbraio ma il documento presentato dai consiglieri della Lega, Leonardo Soldi e Claudiu Stanasel, non è stato inserito all'ordine del giorno dal presidente Gabriele Alberti perchè il sindaco Matteo Biffoni non potrà essere presente per precedenti impegni. Una decisione comunicata ieri, 17 febbraio, in conferenza capigruppo, che ha fatto insorgere tutta la Lega, compreso il commissario provinciale Gabriele Genuino e i gruppi consiliari di Poggio a Caiano, Montemurlo, Vaiano e Vernio che hanno già annunciato la loro adesione all'esposto e l'impegno a portare nei rispettivi consigli questa battaglia. Di semplice scusa per non affrontare il tema parla il consigliere Leonardo Soldi che tra l'altro, insieme al deputato Giorgio Silli, ha promosso l'altro esposto alla Corte dei Conti: "Questa assenza del sindaco è strategica per evitare di affrontare qualcosa di scomodo soprattutto dopo la sua recente uscita in cui ha rifiutato di firmare l'esposto, ha manifestato una posizione assurda e ha attaccato gli imprenditori che invece da questa storia sono stati solo danneggiati. Tanto per cominciare un sindaco deve essere sempre presente al Consiglio comunale e comunque questo organo non è la giunta e non è un'esclusiva della maggioranza. Questa non è democrazia. Ci tengo anche a precisare che la nostra non è faziosità perchè nel documento che abbiamo presentato si riconosce al sindaco il lavoro svolto nella prima fase di questa brutta vicenda".
La capogruppo Patrizia Ovattoni parla di "bavaglio" e di "censura": "Il Consiglio è il Parlamento della città. E' qui che dobbiamo confrontarci sulle questioni d'attualità e invece dobbiamo assistere a continue censure quando si tratta di cose scomode. Pensiamo al Coronavirus. E' tre settimane che attendiamo risposte e chiarimenti e invece abbiamo ascoltato solo una comunicazione unilaterale dell'assessore senza possibilità di intervento. Il Buzzilab poteva essere una battaglia da combattere tutti insieme e invece non ne possiamo neanche parlare. Un comportamento che stigmatizziamo".
Per chi desidera firmare l'esposto di Astri c'è un'occasione in più: giovedì 20 febbraio dalle 14 alle 19 nella sede dell'associazione all'interno della Comistra (via Scarpettini, 326 - Montemurlo). 
A breve giro di posta replica il presidente del Consiglio comunale, Gabriele Alberti: "Non entro nel merito delle questioni politiche. Mi limito solo a ricordare a Soldi che ho sottolineato che avrei portato il documento presentato da lui e Stanasel in Consiglio se fosse stato presente il sindaco dato che è a lui che si rivolge ed è lui che deve rispondere. Abbiamo rimandato anche altri punti proprio perchè implicavano la sua presenza. Tra l'altro non è stata rispettata la tempistica di presentazione su cui ho sorvolato. Quindi direi che sono stato democratico e partecipativo perchè potevo dire di no a prescindere".
Sulla stessa linea Lorenzo Tinagli, consigliere del Pd che aggiunge: "Il sindaco è stato il primo a occuparsi concretamente del problema Buzzilab nonostante non sia di sua diretta competenza. Dove era l'opposizione? E poi penso che dovremmo pensare anche a tutelare questa scuola e i suoi progetti perchè fa parte della storia della città".
E.B.
 
 

Data della notizia:  18.02.2020 h 13:24

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus

Digitare almeno 3 caratteri.