12.02.2020 h 20:32 commenti

BuzziLab, in campo anche la goliardia: un redivivo Tullio Buzzi chiede spiegazioni al preside

In una lettera, inviata anche a giornali e autorità, l'autorevole personaggio, vissuto 150 anni fa, chiede di conoscere la verità sulla chiusura del laboratorio e ipotizza anche possibili "mandanti"
BuzziLab, in campo anche la goliardia: un redivivo Tullio Buzzi chiede spiegazioni al preside
Non solo le vie ufficiali per salvare il BuzziLab, ma anche quelle goliardiche. Un redivivoTullio Buzzi ha inviato una lettera, tra il serio e il faceto, al dirigente Alessandro Marinelli, e per conoscenza alle redazioni dei giornali locali, all'associazione ex allievi del Buzzi e alla stessa presidente del Consiglio d'istituto Cosetta Carretti, per chiedere spiegazioni sul scelta di chiudere il laboratorio.
Un'epistola che viene da un personaggio vissuto 150 anni fa, ma che, evidentemente è molto informato sulla Prato del 2020. E così il fantasma di Tullio assicurando che “nel luogo dove mi trovo si sa sempre tutto” chiede a Marinelli se l'intenzione ultima è di spostare il laboratorio al Creaf (“lettere che per me non hanno nessun significato e che indicano una struttura in una amena località di periferia, o per lo meno era tale quando ero in vita). Ma poi senza mezzi termini ipotizza quali possano essere i mandanti della chiusura: “Qualche laboratorio geloso dei successi della nostra scuola, oppure di un mediocre dirigente ministeriale o regionale, dello stesso governatore della Toscana”.
E la lunga lettera si chiude con un invito: “Attendo una Vostra risposta, per me sarebbe sufficiente eventualmente solo la Vostra confessione davanti alla città” e ovviamente i saluti di rito in pieno stile ottocentesco: “Vi porgo i miei ossequi. Tanto vi dovevo Prof. Tullio Buzzi”. Mentre in città si apre la caccia al fantasma, si aspetta anche di vedere la reazione di Marinelli.
 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  12.02.2020 h 20:32

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.