09.10.2017 h 13:10 commenti

Bracconiere uccide un rarissimo Ibis eremita, la denuncia del Wwf: "Atto gravissimo"

L'esemplare era fornito di trasmettitore gps e i volontari stavano seguendo la sua migrazione dall’Austria al sito di svernamento nell’Oasi di Orbetello. La specie è a grave rischio di estinzione a livello mondiale
Bracconiere uccide un rarissimo Ibis eremita, la denuncia del Wwf: "Atto gravissimo"
Un rarissimo esemplare di Ibis eremita è stato ucciso da un bracconiere a Prato lo scorso 27 settembre. Lo comunica il Wwf, denunciando come il fatto costituisca un gravissimo danno per l’ambiente e per la comunità.
“Questo uccello – spiegano - è una specie a grave rischio di estinzione a livello mondiale e proprio per questo è oggetto di un importante progetto di reintroduzione a livello europeo. L’esemplare ucciso a Prato era un giovane Ibis eremita in migrazione dall’Austria al sito di svernamento nell’Oasi Wwf di Orbetello, e veniva costantemente seguito grazie ad un trasmettitore Gps”.
“Il bracconiere che lo ha ucciso – prosegue il Wwf - ha commesso un pesante danno all’ambiente e alla biodiversità, ma anche economico considerate le risorse pubbliche che vengono investite in questo importante progetto. Il Wwf chiede che le forze dell’ordine e gli organi dell’autorità giudiziaria di Prato facciano il massimo sforzo per trovare e punire il colpevole (o i colpevoli) di questo spregevole atto”.
 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  09.10.2017 h 13:10

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.