01.08.2021 h 15:49 commenti

Bilancio positivo per il Prato Film Festival dedicato a Carlo Monni

La rassegna chiude le sei serate con 1.800 spettatori divisi tra il Castello dell'Imperatore e il Pin. Tra i tanti ospiti che sono saliti sul palco gli attori Francesco Pannofino e Milena Vukotic
Bilancio positivo per il Prato Film Festival dedicato a Carlo Monni
Il Prato Film Festival chiude la sua nona edizione con numeri da record: sono oltre 1.800 gli spettatori che dal 26 al 31 luglio sono passati dall’arena estiva cinematografica del Castello dell’Imperatore e dal Pin - Polo Universitario “Città di Prato” nel corso della manifestazione ideata e diretta da Romeo Conte.
E sono stati sei giorni intensi, ricchi di grandi ospiti che hanno incontrato il pubblico di casa: per citarne alcuni, gli attori Francesco Pannofino, Milena Vukotic, Jonis Bascir, Sergio Forconi, Alberto Testone, Francesco Ciampi, Beatrice Ripa, Tania Bambaci, Lucia Sardo, Annamaria Malipiero, Graziano Salvadori, Atos Davini e Massimo Paganelli, il produttore e regista Angelo Longoni, i registi Eleonora Ivone, Patrizio Gioffredi, Francesco Falaschi, e moltissimi altri, tutti saliti sul palco dell’arena cinematografica del Castello dell’Imperatore nel corso delle serate condotte dall’attrice Barbara Sirotti, dal comico Piero Torricelli, e dai giornalisti Giovanni Bogani, Paolo Calcagno e Federico Berti.
Un’edizione con tanti momenti memorabili: uno su tutti l’omaggio a Carlo Monni, a cui è stata dedicata questa edizione del festival, celebrato ogni sera con la proiezione di spezzoni dei suoi film più celebri, conversazioni con giornalisti e critici cinematografici, e attraverso ricordo di chi, sul set e nella vita privata ha avuto il privilegio di conoscere questo straordinario attore, poeta, uomo libero e sempre fedele a sé stesso. Molto apprezzati dal pubblico che ha affollato l’arena del Castello dell’Imperatore anche i lungometraggi proiettati, film di qualità che dimostrano la vitalità del cinema italiano.
Ma il Prato Film Festival è anche, come è nel suo Dna, una manifestazione internazionale che guarda al futuro e promuove i giovani e i nuovi talenti: tantissimi i registi emergenti, da tutto il mondo, che hanno partecipato con i loro cortometraggi alla Selezione Ufficiale della manifestazione cinematografica, con opere intense dedicate a temi come la legalità, l’ambiente, la commedia e i diritti umani, che hanno lasciato il segno.
 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  01.08.2021 h 15:49

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.