28.02.2019 h 13:50 commenti

Bilancio Comune 2019: sforbiciata alla Tari per famiglie e aziende. Controlli più stringenti per chi evade tasse e tariffe

Diminuirà rispettivamente del 5% e del 6%, buoni i risultati di due progetti ideati dal Comune per riscuotere in modo immediato i tributi pregressi in occasione dei controlli nelle aziende. Ritorna il biglietto extraurbano per gli autobus
Bilancio Comune 2019: sforbiciata alla Tari per famiglie e aziende. Controlli più stringenti per chi evade tasse e tariffe
Nel 2019 la Tari per le famiglie diminuirà del 5% e quella per le imprese e i commercianti del 6%, contemporaneamente continuerà la caccia agli evasori attraverso due progetti ,“Cerbero” e "Black Friday", che prevedono una task force composta da personale della ragioneria comunale, della polizia municipale,  dell'Ufficio Immigrazione, della Sori e di Alia che hanno affiancato gli ispettori dell’Asl in occasione dei controlli per il progetto “Lavoro sicuro”.
Per il trasporto pubblico torna in vigore il biglietto e l’abbonamento unico urbano-extraurbano (fino a 20 Km), mentre è stato sottoscritto con Publiacqua un accordo per il blocco delle tariffe per 6 anni.
“I controlli ha spiegato il sindaco Matteo Biffoni – hanno permesso di incassare immediatamente l’evasione pregressa di Tari e delle altre imposte comunali. Anche in quest’ottica siamo riusciti a far diminuire la tassa sui rifiuti. Importante è stata anche la possibilità di sfruttare economie di scale all’interno di Alia e l’alta percentuale di raccolta differenziata che ha raggiunto il 72%”.
In pratica per un ristorante il risparmio sarà di 156,74 euro, per un imprenditore di 31,19, per un artigiano di 20,88 e per un negozio di 44,29, mentre una famiglia di quattro persone che vive in un apprtamento di 90 metri quadrati  pagherà 16,68 euro in meno rispetto al 2018..
Oltre alle riduzioni per la Tari sono confermate le agevolazioni sociali: chi ha un reddito Isee fino a 7.500 euro godrà dell’esenzione totale per chi ha un reddito fino a 12.500 euro l’agevolazione è del 30% della quota variabile.
Confermate anche quelle per le imprese: esenzione totale della parte variabile per le Start up innovative e fino al 70% della quota variabile per la costituzione di nuove società che rientrano nel regime dell’imprenditoria giovanile (18-36 anni). Confermate, infine, anche le agevolazioni ambientali previste dal Regolamento Comunale, in particolare quella del 20% sulla parte variabile introdotta nel 2017 per asili e scuole private.
Per quanto riguarda le altre imposte, rimangono invariate le aliquote IMU e TASI, viene prorogata per il 2019 e 2020 la detrazione IMU di 80 euro per ogni telecamera installata da privati e rimane invariata l’addizionale IRPEF allo 0,5% .
Sostanzialmente invariate anche le tariffe. Per gli asili nido confermato l’abbattimento di 75 euro mensili (tempo prolungato) 65 euro mensili (tempo lungo) 50 euro mensili (tempo corto), mentre per la scuola paritaria dell’infanzia è di 25 euro mensili.
“Il lavoro per il mantenimento dei servizi a invarianza fiscale con la prospettiva di una diminuzione strutturale - secondo l’assessore al bilancio Monia Faltoni - ha dato esiti positivi, tanto da poter consentire la riduzione delle aliquote Tari e una serie di agevolazioni, rispettando così gli obiettivi di governo che ci eravamo dati”.

 


 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  28.02.2019 h 13:50

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 
 

Digitare almeno 3 caratteri.