05.09.2019 h 15:42 commenti

Angelo Di Leo riceve il prestigioso premio Esmo, è il primo italiano a vincere il riconoscimento

La decisione presa dalla Società Europea di Medicina Oncologica. La cerimonia di consegna all'oncologo pratese si terrà il prossimo 27 settembre a Barcellona
Angelo Di Leo riceve il prestigioso premio Esmo, è il primo italiano a vincere il riconoscimento
Angelo Di Leo, primario di Oncologia al Santo Stefano, ha vinto il prestigioso Esmo Lifetime Achievement Award 2019. L'oncologo verrà premiato il 27 settembre a Barcellona, durante la cerimonia di apertura del congresso Esmo 2019: si tratta del primo italiano, precisa una nota, a vincere l'importante riconoscimento della Società Europea di Medicina Oncologica. 
"Il riconoscimento ad Angelo Di Leo - scrive il vicepresidente dell'Assemblea toscana Marco Stella - è un traguardo che ci riempie di orgoglio, perché è un riconoscimento all'eccellenza e all'impegno del dottor Di Leo nel combattere i tumori. Da parte mia personale e del Consiglio regionale della Toscana, giungano le congratulazioni e gli auguri di altri successi futuri al medico e ricercatore toscano". 
"Con il suo eccellente percorso clinico - sottolinea Stella - Di Leo ha contribuito a rendere il dipartimento di oncologia dell'Ospedale di Prato, da lui diretto, uno dei centri di assoluta eccellenza nella ricerca e nella terapia dei carcinomi mammari, contribuendo in misura determinante allo sviluppo di nuovi approcci terapeutici personalizzati. Il dottor Di Leo ha creato a partire dal nulla un centro ormai riconosciuto come quello di Prato, e ha sviluppato un team di giovani oncologi e ricercatori estremamente preparati, che fanno del dipartimento oncologico pratese un fiore all'occhiello europeo nella cura dei tumori. Chiederò al Consiglio regionale della Toscana di assegnare presto un nostro riconoscimento al dottor Di Leo".
 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  05.09.2019 h 15:42

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.