14.02.2018 h 14:39 commenti

Ampliamento dell'ospedale, Governo e Regione presentano il progetto della nuova palazzina

Il 27 febbraio il ministro Luca Lotti e l'assessore regionale Saccardi faranno tappa in città per dare i dettagli dell'operazione che garantirà al Santo Stefano 100 posti letto in più
Ampliamento dell'ospedale, Governo e Regione presentano il progetto della nuova palazzina
Il progetto della nuova palazzina dell'ospedale di Prato sarà presentato il 27 febbraio. Agli sgoccioli della campagna elettorale il Pd cala l'asso su un tema molto sentito quale il sottodimensionamento delle strutture pratesi. A dare i dettagli dell'ampliamento del Santo Stefano saranno coloro che ne hanno permesso la realizzazione attraverso la disponibilità di 15 milioni di euro di risorse: il ministro Luca Lotti e l'assessore regionale alla sanità Stefania Saccardi. Ovviamente saranno presenti il sindaco Matteo Biffoni che sulla questione ha avuto un filo diretto e costante con Lotti, e i candidati nei collegi pratesi. In particolare Antonello Giacomelli, sottosegretario allo sviluppo economico, il primo a dare il via all'operazione. L'altro nome importante in questa partita è quello del consigliere regionale Nicola Ciolini che ha costantemente lavorato con la Giunta toscana per definire l'operazione in termini di servizi sanitari a cui dare una risposta veloce e concreta.
L'evento si terrà alle 11 nell'ex chiesino di San Giovanni. Sarà presente, per la Regione, anche l'altra consigliera pratese del Pd Ilaria Bugetti, da tempo forte sostenitrice della necessità di realizzare a Prato una palazina dove ospitare il polo oncologico.
La palazzina sarà di tre piani fuori terra e sorgerà nel terreno che si trova tra il parcheggio dipendenti e la cosiddetta palazzina dei servizi. Le facciate saranno molto simili all'attuale ospedale. E' probabile che il collegamento tra le due strutture sia sotteraneo ma per conoscere tutti gli aspetti tecnici bisognerà aspettare il 27 febbraio quando i progettisti incaricati dall'Asl mostreranno come hanno tradotto in realtà le esigenze della popolazione in rapporto alle risorse disponibili. 
Sicuramente la nuova palazzina ospiterà il polo oncologico regionale, rimasto "orfano" dell'operazione legata a Villa Ragionieri a Sesto Fiorentino. Uno dei motivi, questo, che ha portato la Regione a incrementare il proprio contributo finanziario da 2 a 5 milioni di euro. 
La nuova struttura accoglierà 100 posti letto in più per rispondere meglio alle richieste di ricovero che intasano il pronto soccorso creando grave disagio per i pazienti e anche per il personale sanitario. Come è noto, l'area Emergenze del Santo Stefano presenta accessi record con numeri che si superano continuamente (LEGGI), ma il resto dell'ospedale, in caso di ricovero del paziente, non va alla stessa velocità per la mancanza di posti letto e l'ingorgo è inevitabile. 
Sempre per agevolare il pronto soccorso che così potrà ampliarsi, il reparto di psichiatria che si trova al pian terreno, traslocherà nella nuova palazzina. 
E.B.
 

Data della notizia:  14.02.2018 h 14:39

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.