16.05.2018 h 14:14 commenti

Ammanco di 16mila euro nei conti del condominio: davanti al giudice l'ex amministratore

Aperto oggi il processo a carico di una cinquantunenne accusata di appropriazione indebita dai condomini. Il buco nei conti risalirebbe al 2010-2011 ma sarebbe stato accertato solo nel 2015. Davanti al giudice gli abitanti del palazzo che hanno querelato l'ex amministratore
Ammanco di 16mila euro nei conti del condominio: davanti al giudice l'ex amministratore
Sedicimila euro che nei conti non si trovano e che spingono un condominio intero di via Lorenzo da Prato a querelare l'ex amministratore, una donna di 51 anni che è finita sotto processo con l'accusa di appropriazione indebita. Oggi, mercoledì 16 maggio, la prima udienza davanti al giudice del tribunale di Prato Carlo Cataudella. Il presunto ammanco risalirebbe agli anni 2010 e 2011 ma le accuse sono state mosse più tardi, nel 2015, quando l'ex amministratore, difesa dall'avvocato Mauro Cini, non si occupava più del condominio da almeno quattro anni. I dubbi sui conti emergono appunto nel 2015 quando è in carica la gestione amministrativa subentrata quando si interrompe il rapporto del condominio con la precedente. Davanti al giudice hanno sfilato i primi testimoni: molti degli abitanti del palazzo che hanno riferito sulle modalità del pagamento delle rate condominiali, sulla tenuta dei conti e la stesura dei bilanci, e l'amministratore che condivideva lo studio con l'imputata (le due non erano socie) che ha raccontato che anche quando la collega non era presente in ufficio e qualcuno dei suoi clienti si presentava per pagare, i soldi venivano incassati a fronte del rilascio della ricevuta. Udienza aggiornata a marzo del prossimo anno.
 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  16.05.2018 h 14:14

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.