10.10.2017 h 13:11 commenti

Altri 2,5 chili di eroina tolti dal mercato: la Squadra Mobile arresta un trafficante e il suo corriere

Ennesima operazione dell'Antidroga che ha colpito uno dei capi dello spaccio in città: l'uomo aveva preso il posto del fratello arrestato lo scorso agosto. Le basi erano in una mansarda di Montemurlo e in una casa di via Cimarosa
Altri 2,5 chili di eroina tolti dal mercato: la Squadra Mobile arresta un trafficante e il suo corriere
Terzo duro colpo inferto dalla Squadra Mobile alle bande di nigeriani attive nello spaccio di eroina. Gli uomini dell'Antidroga hanno arrestato ieri 9 ottobre due spacciatori, recuperando quasi  due chili e mezzo di eroina. Sommati a quelli già sequestrati nei giorni scorsi in altre due operazioni, si arriva a più di tre chili di sostanza stupefacente tolta dal mercato. 
In manette sono finiti due nigeriani, rispettivamente di 34 e 25 anni. Il primo, secondo quanto ricostruito dagli investigatori, aveva preso il posto del fratello, arrestato lo scorso 19 agosto, alla guida di una organizzazione capace di far arrivare a Prato ingenti quantità di eroina, che poi veniva suddivisa tra tante piccoli spacciatori per essere smerciata.
Nei giorni scorsi gli agenti della Mobile hanno scoperto che il 34enne era domiciliato in una mansarda di via Fornacelle a Montemurlo. E' iniziata, quindi, una fase di osservazione che, ieri mattina, ha dato i suoi frutti. I poliziotti in borghese appostati in via di Fornacelle hanno visto arrivare l'auto di un tassista abusivo, spesso utilizzato da nigeriani. Sul mezzo è salito il 34enne, portandosi dietro un grosso trolley. Il taxi abusivo è stato seguito fino in via Cimarosa a Prato, dove il pusher è sceso lasciando la valigia in una casa per poi fare ritorno nella mansarda.
Verso mezzogiorno, gli agenti dell'Antidroga hanno fatto irruzione nella casa, trovandovi due ovuli per un totale di 30 grammi di eroina e circa tremila euro in contanti. Altri poliziotti hanno controllato la casa di via Cimarosa, scoprendo che nel trolley c'erano 98 ovuli per oltre 1,370 chili di eroina,  nascosti in due calzini. Trovati anche 1.770 euro in contanti.
Intanto, una pattuglia non impegnata nelle perquisizioni aveva seguito il taxi abusivo fino alla stazione di Rifredi, dove sul mezzo è stato visto salire un nigeriano di 25 anni, in Italia con permesso di soggiorno per motivi umanitari. I poliziotti hanno seguito l'auto fino a Montemurlo, quando è stata bloccata. Una volta portato in questura, il 25enne ha ammesso di essere un corriere di eroina e di avere ingerito numerosi ovuli. Il giovane è ora piantonato in ospedale dove ha già espulso 82 ovuli per quasi un chilo di eroina.
 
 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  10.10.2017 h 13:11

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus

Digitare almeno 3 caratteri.