22.09.2022 h 13:17 commenti

Allarme carenza sangue, a rischio gli interventi programmati

La preoccupazione di Avis provinciale: nei primi otto mesi dell'anno, rispetto allo stesso periodo del 2021, si è registrata una flessione di donazioni del 2,47%. L'appello del presidente provinciale Fusi ad andare a donare
Allarme carenza sangue, a rischio gli interventi programmati
A Prato,come in tutta la Toscana, da dopo l'estate si registra una carenza di sangue che rende difficile, soprattutto, la programmazione degli interventi chirurgici non urgenti.  
Secondo Avis provinciale, le donazioni al 31 agosto sono calate del 2,47% rispetto allo stesso periodo del 2021. I donatori  che si sono presentati alla sala prelievi dell'ospedale Santo Stefano , nei primi otto mesi dell' anno, sono stati in totale  4.784 di questi  3.923 hanno donato sangue, 798 plasma e solo 63 le donazioni multicomponent. 
I dati pratesi sono in linea con quelli regionali dove la flessione è stata del 5,4% (da 73.938 a 69.931, ovvero 4.007 donazioni in meno), con particolare carenza nel plasma (-16,7%). Per quanto riguarda il sangue si registrano serie criticità sui gruppi 0 positivo e negativo.
"Una situazione difficile - ha spiegato il presidente provinciale Andrea Fusi - infatti i reparti stanno avendo difficoltà a organizzare gli interventi di routine, e c'è bisogno di nuovi e più donatori. Rinnovo il mio appello alla generosità dei pratesi, che non è mai mancata". 
 
 

Data della notizia:  22.09.2022 h 13:17

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 
 

Digitare almeno 3 caratteri.