09.01.2019 h 11:11 commenti

Alcol servito ai minorenni, Striscia 'smaschera' tre locali del centro di Prato

Nonostante il divieto in vigore dal 2015, la telecamera nascosta ha mostrato la somministrazione di bevande alcoliche a una cliente che si è dichiarata minorenne. L'inviata ha intervistato diversi minori che hanno confermato la facilità di farsi un bicchierino
Alcol servito ai minorenni, Striscia 'smaschera' tre locali del centro di Prato
Alcol venduto anche ai minorenni alla faccia della legge che lo vieta dal 2015. Succede anche a Prato dove alcuni locali del centro sono stati 'pizzicati' da Striscia la Notizia a disattendere il divieto di somministrazione di bevande alcoliche a chi non ha ancora compiuto 18 anni. Non si tratta di disattenzioni o di errori perché, come ha chiaramente mostrato il servizio, chi si è presentato al bancone con tanto di telecamera nascosta e ha ordinato un limoncello, ha anche dichiarato di avere 17 anni ma il bicchierino è stato ugualmente servito.

GUARDA IL SERVIZIO DI STRISCIA LA NOTIZIA

Le telecamere di Striscia, arrivate in città di sera e nel pieno della movida, sono entrate in tre locali e in tutti la stessa musica con uno dei baristi che ha trovato un escamotage per non rischiare: ha chiamato un'amica e le ha chiesto di ordinare per conto della cliente minorenne. Uno dei locali è da tempo al centro delle cronache per le proteste dei residenti che più volte si sono lamentati per il rumoroso afflusso di clienti fino a notte fonda.
Baristi consapevoli di essere in fallo ma ugualmente disponibili a sgarrare. L'inviata di Antonio Ricci ha anche intervistato diverse ragazzine che hanno detto di non incontrare ostacoli quando ordinano alcolici e che la somministrazione avviene regolarmente in diversi locali: esattamente quello che ha mostrato il servizio andato in onda nella puntata di martedì 8 gennaio.
Pronta la replica dei commercianti che condannano senza remore l'illecito. "La vendita di alcol ai minori è un argomento serio su cui non si scherza - il commento di Simona Marinari, vicepresidente di Fipe Confcommerio Prato e Pistoia e titolare del locale Le Barrique  - chi sbaglia si assume le proprie responsabilità. All'interno della nostra associazione c'è una sorta di vigilanza: segnaliamo chi non rispetta la legge e facciamo sensibilizzazione perché la regola è tassativa: no alcol ai minorenni". Uno dei locali finiti nel mirino di Striscia sarebbe stato già segnalato all'autorità oltre che dai residenti della zona anche dalle associazioni di categoria.  
 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  09.01.2019 h 11:11

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 
 

Digitare almeno 3 caratteri.