09.10.2020 h 12:51 commenti

Al Serraglio l'ufficio Urp della polizia municipale grazie a due milioni di euro del governo

La somma è nelle variazioni del bilancio 2020 approvate ieri dal Consiglio comunale. Grazie al tesoretto 2019 sono stati inseriti oltre 10 milioni di interventi per strade, scuole e verde
Al Serraglio l'ufficio Urp della polizia municipale grazie a due milioni di euro del governo
In piazza dell'Università al Serraglio sarà costruita una palazzina per dare una nuova sede all'Urp e gli altri uffici della polizia municipale attualmente ospitati a palazzo Pacchiani. Viene definita un'infrastruttura leggera di veloce realizzazione che permetterà di completare la riqualificazione del Serraglio attraverso lo spostamento di una funzione pubblica e allo stesso tempo di liberare palazzo Pacchiani per fare posto agli uffici dell'urbanistica e del suap che attualmente sono in affitto in via Giotto. Entrambe le azioni sono finanziate dallo Stato con due linee diverse. La ristrutturazione di palazzo Pacchiani e del Bastione delle forche, come è noto, è coperta dal bando Prius, mentre la nuova palazzina al Serraglio sarà finanziata con il Piano aree degradate (Pad) che ha messo a disposizione del Comune due milioni di euro.
Tale somma è stata inserita nella parte investimenti del bilancio 2020 attraverso la variazione approvata ieri, 9 ottobre, dal Consiglio comunale. Ma in questo capitolo troviamo anche tantissimi interventi a favore dell'edilizia scolastica, delle strade e del verde pubblico grazie a 10 dei 14 milioni di euro di avanzo del bilancio 2019 (il resto è andato all'aumento di 2,111 di Gida e alla revisione dei bilanci dal 2015 a oggi per una recente sentenza della Corte dei Conti). Complessivamente la spesa in conto capitale di questa variazione è di 13,4 milioni di euro ed è coperta in buona parte dall'avanzo, dai contributi del governo e della Regione per i vari progetti e anche da indebitamento.
«Si tratta di risorse aggiuntive rispetto al Bilancio preventivo e che andranno ad incidere su interventi concreti per la città e su una situazione di cassa già positiva - afferma l'assessore al Bilancio Benedetta Squittieri illustrando la manovra - Pertanto mettiamo in sicurezza la gestione finanziaria dell'ente, una cosa non da poco a fronte di quel che è accaduto a causa del Coronavirus, ma senza limitare la capacità di investimento, che anzi avrà un motore in più. Anche per questo abbiamo deciso di fare ora la variazione, nei primi giorni di ottobre, senza aspettare la discussione degli equilibri di bilancio prima della fine dell'anno».
Diamo un'occhiata alle varie voci di spesa sul fronte investimenti. Troviamo i 400mila euro per il completamento della materna di Pacciana a Galcetello, oltre 756mila euro per l'adeguamento sismico delle primarie di Tobbiana e Fontanelle, 300mila euro su impianti sportivi e piscine e 680mila euro sui campi in sintetico a La Querce e a Coiano e gli spogliatoi al Fantaccini. Alla sistemazione delle strade vanno tre milioni di euro di cui la metà destinate all'asfalto e il resto alla messa in sicurezza dei punti ad alta incidentalità. 
Alla sistemazione di giardini, potature, cartellonistica e in generale del verde pubblico vanno mezzo milione di euro. Un'attenzione particolare è stata data al ricambio tecnologico in dotazione agli edifici e al personale comunale. E' prevista una spesa di 710mila euro per il rinnovo di hardware e software prediligendo i computer portatili in modo che in caso di necessità siano adatti allo smartworking. 
In questa variazione troviamo anche 1,4 milioni di euro della Regione per il Piu 2, ossia il piano di riqualificazione di San Paolo, Borgonuovo e Chiesanuova che andrà a braccetto con quello quasi ultimato al Macrolotto Zero. Tra gli interventi minori dal punto di vista economico sono comunque degni di nota i 120mila euro per sistemare gli ascensori al Cassero e al Castello dell'Imperatore, i 200mila euro per la sistemazione dei marciapiedi di piazza Mercatale lato guardia di finanza, quasi 300mila euro per la manutenzione straordinaria del Pecci e 500mila euro per vari interventi di forestazione urbana. 
Nella variazione di bilancio c'è anche spazio per le iniziative di Natale: alla consueta spesa di 60mila euro, che andrà alle periferie, si aggiungono altri 30mila euro che saranno dedicati esclusivamente al centro storico. 
Le voci di spesa dedicate al Covid sono numerose. Ad esempio gli 800mila euro di adeguamento delle scuole, il raddoppio dei contributi per il sistema di protezione civile passati da 40 a 82mila euro i 114 mila euro di ulteriore spesa per la pulizia. Al momento saranno coperte con l'avanzo 2019, mentre i 7,6 milioni di euro stanziati dal governo come contributo Covid saranno congelati sulla parte corrente in via prudenziale in attesa di verificare gli equilibri di bilancio, cosa che è prevista a novembre. Se le previsioni su entrate e uscite saranno rispettate l'amministrazione comunale avrà a disposizione un altro tesoretto da spendere. Ma è presto per cantare vittoria. 
(e.b.)
 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  09.10.2020 h 12:51

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 
 

Digitare almeno 3 caratteri.