01.03.2021 h 16:10 commenti

Affitti, buoni spesa e inclusione sociale, pioggia di soldi grazie al progetto "Help&Care"

Il presidente della Società della Salute Luigi Biancalani: "Fondi importanti che permettono ulteriori interventi necessari in questo momento"
Affitti, buoni spesa e inclusione sociale, pioggia di soldi grazie al progetto "Help&Care"
Oltre 1,5 milioni di euro da destinare al contributo affitti, ai buoni spesa e all'assistenza sociale ed educativa per i nuclei familiari o per le singole persone. E' quanto ottenuto dalla Società della salute area pratese con il progetto “Help&Care. Azioni di sostegno integrate a seguito dell’emergenza Covid-19” presentato alla Regione che lo ha approvato e finanziato attingendo dai fondi sociali europei per 1.544.639 euro.
"In un momento particolarmente difficile come quello in cui stiamo vivendo ormai già da un anno, - afferma il presidente della Società della Salute Luigi Biancalani - l'arrivo di questi soldi direttamente dai fondi sociali europei ci permette di realizzare ulteriori importanti interventi che si aggiungono ai molti che abbiamo e stiamo mettendo in campo". 
Tre le azioni di intervento.
La prima riguarda i contributi per il pagamento dell'affitto ed è rivolta a coloro che possiedono i requisiti per l’accesso alle misure di sostegno al pagamento del canone di locazione. A questo intervento sono stati destinati 700 mila euro.
La seconda misura è una forma di sostegno al bilancio familiare attraverso l’erogazione di buoni spesa per l’acquisto di generi alimentari a favore di cittadini che si trovano in situazioni di particolare difficoltà socio-economica anche per effetto delle conseguenze dell’emergenza Covid-19. A tale capitolo sono stati destinati circa 145 mila euro.
La terza azione finanzierà interventi mirati al contenimento delle  situazioni di crisi personale e familiare che possono ingenerare un’esclusione dal sistema sociale o produttivo del territorio. Le misure si caratterizzano come attività socio-assistenziali e socio-educative a livello domiciliare rivolte a nuclei familiari o a singole persone in stato di difficoltà anche in ambiente Covid-19 positivo. 700 mila euro i fondi a disposizione.
Sarà possibile, ma non obbligatorio, per ogni destinatario, combinare due o tre azioni su persone singole o sullo stesso nucleo familiare, ma l’importo massimo non potrà superare complessivamente 3 mila euro per nucleo familiare.
L’intervento sul singolo destinatario e sul nucleo familiare dovrà concludersi entro 6 mesi dall’attivazione. Il piano di spesa previsto nel buono servizio è predisposto dalla Società della salute a seguito di una valutazione e di una proposta effettuata dai servizi preposti.
Il destinatario individuerà l’operatore economico erogatore di prestazioni del quale avvalersi all’interno di un elenco predisposto, pubblicato ed aggiornato dalla Società della salute area pratese.
 
 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  01.03.2021 h 16:10

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.